Mag 28, 2018 - SOLARI    No Comments

Resvelife Sole SPF50

Risultati immagini per Resvelife Sole SPF50E’ una morbida emulsione acqua in olio, a elevata protezione solare, basata esclusivamente su filtri fisici impiegati ad alta percentuale.

Di facile e omogenea distribuzione sulla pelle, risulta praticamente quasi invisibile. Grazie infatti alla particolare tecnologia di dispersionedel biossido di Titanio, l’effetto “bianco” tipico dei solari ad elevato contenuto di filtri fisici, è molto attenuato.

L’aggiunta di ossidi di Ferro, pigmenti di assoluta sicurezza di impiego, conferisce un delicato colore carnicino ideale per l’applicazione quotidiana del prodotto anche in città.

Impiegata durante i soggiorni al mare ha il vantaggio di una elevata resistenza all’acqua.

Arricchita in ingredienti emollienti, idratanti e lenitivi, risulta particolarmente indicata per pelli sensibili e desquamate.

Senza profumi complessi, contiene un ecoconcentrato naturale di fiori d’arancio per aumentare la compliance d’uso.

Applicare uniformemente con un leggero massaggio fino a completo assorbimento. La crema è idroresistente, si consiglia comunque di rinnovare l’applicazione al bisogno. La colorazione bianca che compare al momento dell’applicazione tende a scomparire dopo pochi minuti.

Resvelife Sole è indicata soprattutto al trattamento di pelli molto sensibili e particolarmente reattive ai raggi solari:

  • fototipi I e II (pelli chiare che si scottano facilmente)
  • allergie e intolleranze al sole
  • cicatrici recenti
  • trattamenti fotosensibilizzanti (farmaci fotosensibilizzanti, trattamenti di estetica, peeling chimici ecc).

Tubo di alluminio sigillato da 30 gr – 15,76 € – durata del prodotto dopo aperto:
6 mesi.                                                                                                                                                                                                          Stefania Bortolotti

Resvelife Sole SPF50ultima modifica: 2018-05-28T17:37:52+02:00da modaefashion
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento